fbpx

Fenolizzazione unghia incarnita

Unghia incarnita fenolizzazione Catania

Fenolizzazione unghia incarnita

La fenolizzazione è una tecnica chirurgica altamente efficace utilizzata per trattare l’onicocriptosi, nota come unghia incarnita.

Unghia incarnica e cause

L’unghia incarnita è una patologia comune ma spesso sottovalutata, che può causare notevole disagio e dolore. Coinvolge principalmente l’alluce, dove l’unghia si infila nella pelle del dito a causa di un letto ungueale troppo stretto rispetto alla lamina. Questa condizione può provocare infiammazione e infezione, con la formazione di granulomi dolorosi. Le cause dell’unghia incarnita includono non solo la conformazione naturale dell’alluce, che potrebbe essere troppo stretto, ma anche l’uso di calzature strette, il sovrappeso e una scorretta tecnica di taglio delle unghie dei piedi.

Come tagliare le unghie

Ecco alcuni consigli importanti per il taglio delle unghie dei piedi, un’operazione spesso sottovalutata ma che richiede attenzione:

  • Prima di tagliare le unghie, è consigliabile fare un pediluvio preliminare con acqua tiepida per ammorbidirle.
  • Assicurarsi di utilizzare tronchesi ben sterilizzate e destinate esclusivamente all’uso personale.
  • Tagliare le unghie in modo retto, evitando di tagliare gli angoli e di accorciarle eccessivamente. Il margine esterno dell’unghia dovrebbe superare leggermente la parte superiore dell’alluce.

Come si forma l'unghia incarnita

L’unghia del piede può incarnirsi, soprattutto nell’alluce, quando cresce in modo irregolare e penetra nella pelle circostante, causando infiammazione e dolore intensi. Questo può portare alla formazione di un granuloma nel giro di alcune settimane, peggiorando ulteriormente il dolore e portando spesso a secrezione di pus. Inoltre, chi soffre di unghia incarnita tende a modificare il modo in cui appoggia il piede, il che può influenzare negativamente la postura e causare problemi alla colonna vertebrale e alle ginocchia.

Quando ricorrere al trattamento di fenolizzazione

Quando la rieducazione ungueale non è efficace e l’unghia incarnita continua a recidivare, si può considerare il trattamento di fenolizzazione. Questo intervento è particolarmente indicato nei seguenti casi:

  • Presenza di deviazioni della falange dove si manifesta il problema.
  • Recidiva di precedenti interventi senza successo.
  • Gravi deformità della lamina ungueale.

La fenolizzazione coinvolge la rimozione di una parte della matrice ungueale per risolvere definitivamente la patologia. È importante che l’intervento venga eseguito da un medico specialista dermatologo in condizioni di sterilità assoluta.

Come si effettua la fenolizzazione dell'unghia incarnita

La fenolizzazione è il trattamento preferito per il suo elevato tasso di successo e la mancanza di effetti collaterali. Dopo l’intervento, il paziente può camminare senza dolore e spesso le cure sono definitive. L’intervento viene eseguito con anestesia locale e un anello applicato alla base dell’alluce garantisce un intervento senza sanguinamento. Durante l’intervento, vengono tagliate le parti laterali dell’unghia e rimossa la porzione incarnita.

Successivamente, viene applicato il fenolo liquido puro per distruggere definitivamente la matrice dell’unghia incarnita. Alla fine, viene applicata una crema antibiotica e il paziente può camminare immediatamente. La guarigione è completa e il paziente può riprendere le normali attività quotidiane, incluso lo sport, dopo circa due settimane.

Cura definitivamente l'unghia incarnita con la fenolizzazione

Tutti i trattamenti sono personalizzati. Solo un medico esperto è in grado di scegliere il trattamento o combinazione di questi, più efficace e adatto.